• Home
  • News
  • Guidare in infradito, con sandali o a piedi nudi: si può?

Guidare in infradito, con sandali o a piedi nudi: si può?

GUIDARE IN INFRADITO, CON SANDALI O A PIEDI NUDI: SI PUO’?

Guidare in infradito, con sandali o a piedi nudi non è espressamente vietato dal Codice della Strada: il divieto in vigore che faceva riferimento alla questione è stato infatti eliminato nel 1993.

Ciononostante, è bene ricordare che guidare in infradito o con calzature che non consentono al conducente la massima mobilità nella frenata, nell’accelerazione o nella pressione del pedale di frizione può rivelarsi estremamente pericoloso; si rimanda pertanto al conducente la responsabilità della scelta di calzature in grado di garantire la possibilità di effettuare le dovute manovre durante la guida in maniera regolare e in massima sicurezza.

Se da una parte è vero che non esistono sanzioni amministrative specifiche per coloro che decidono di guidare in infradito, con sandali o a piedi nudi, è altrettanto vero che, in caso di incidente stradale, esiste la possibilità che le autorità decidano di verbalizzare l’inadeguatezza delle calzature indossate come causa unica o concomitante del sinistro stradale.

Infatti, l’articolo 141, comma secondo, del Codice della Strada sancisce che:

“il conducente deve sempre conservare il controllo del proprio veicolo ed essere in grado di compiere tutte le manovre necessarie, in condizione di sicurezza, in modo da garantire la tempestiva frenata del mezzo entro i limiti del suo campo di visibilità e dinanzi a qualsiasi ostacolo prevedibile”.

Guidare in infradito, con sandali o a piedi nudi può infatti comportare una perdita di controllo del veicolo da parte del conducente, aumentando così il rischio di incidente stradale.

Invitiamo pertanto a prestare attenzione alla scelta delle calzature prima di mettersi alla guida dal momento che, sebbene nel Codice della Strada non sia presente una specifica norma a sanzionarlo, guidare in infradito, con sandali o a piedi nudi potrebbe determinare non solo la propria responsabilità in caso di sinistro, ma anche, in assenza della clausola di rinuncia, il diritto di rivalsa da parte dell’assicurazione per condotta colposa da parte del conducente, analogamente a quanto accade in caso di guida in stato di ebbrezza.

È dunque fondamentale ricordarsi di mantenere una condotta responsabile sia durante la guida del mezzo che nella scelta delle calzature indossate.

0
0
0
s2smodern
  • Sinistri Stradali
  • Malasanità
  • Sinistri mortali
  • Danni gravi
  • Infortuni sul lavoro
  • Buche e insidie
  • Infortuni su mezzi pubblici
  • Polizze infortuni
  • Responsabilità civile
  • Altri sinistri
  • Responsabilità dei professionisti
  • Recupero costi per assenze dipendenti
  • Risarcimento per le vittime del dovere
    Infortunistica Veneta