Scopriamo nel dettaglio la nuova legge sull’omicidio stradale

Come tutti sappiamo, il 9 marzo Matteo Renzi ha firmato la legge sull'omicidio stradale che - tra richieste, proposte, rimandi e vari rinvii - era già in fase di elaborazione finale dal 2011.

Scopriamo nel dettaglio la nuova legge sull’omicidio stradaleIl Governo ha raccolto al Senato 143 voti favorevoli, 3 contrari e 15 astenuti. Secondi i dati forniti dall'ASAPS sono oltre 180.000 i sinistri stradali con lesioni a persone, 3.000 gli incidenti con morti, e quasi 260.000 quelli con feriti: è quindi chiaro che di fronte a cifre come queste, la nuova legge sul reato di omicidio stradale era assolutamente necessaria.

Anche se profondamente criticata per la sua durezza, questa legge è bene che venga applicata al meglio, e che il cittadino sia messo al corrente di che cosa rischia ora, per comportamenti che, specie quando si verificavano incidenti stradali con morti, prima non implicavano aggravamenti alla sua posizione.

Qui di seguito troverete un breve riassunto sulla legge in merito all’omicidio stradale, mentre per l'approfondimento potete consultare al sito della Camera che, che propone il DDL nella sua interezza.

Scopriamo nel dettaglio la nuova legge sull’omicidio stradaleConfrontando l’attuale legge sul reato di omicidio stradale con la normativa precedente, quest’ultima prevedeva una pena da 2 a 7 anni per chi causava incidenti con morti infrangendo le norme del Codice della Strada con comportamenti pericolosi.

A questa pena ora vengono aggiunte una serie di aggravanti, ossia la guida in stato di ebbrezza e la condotta particolarmente pericolosa: in entrambe queste circostanze, l'omicida il cui tasso alcolemico abbia superato gli 0,8 g/l, oppure che abbia causato incidenti con morti per guida particolarmente pericolosa (eccesso di velocità, guida contromano, infrazioni ai semafori, sorpassi e inversioni a rischio), è soggetto ad una pena che varia da 5 a 10 anni di carcere.

Altra casistica riguarda invece la guida in stato di ebbrezza grave o sotto l'effetto di droghe: infatti nel momento in cui si è alla guida con un tasso alcolemico oltre gli 1,5 grammi per litro, o sotto effetto di sostanze stupefacenti, la nuova legge sull’omicidio stradale prevede una pena che va da 8 a 12 anni di reclusione.

Le pene previste possono ulteriormente aggravarsi nel caso di incidenti con morti. Se poi il conducente fugge dopo l'incidente, scatta l'aumento di pena da un terzo a due terzi. In ogni caso, la pena non potrà essere inferiore a 5 anni in caso di omicidio stradale accertato.

LESIONI STRADALI

La legge non parla solo di omicidio stradale, ma anche di procurate lesioni, distinguendole tra lesioni gravi e lesioni gravissime. Ma andiamo a ricapitolare le pene previste per questa particolare tipologia di casi.

Per la guida in stato di ebbrezza, o per una condotta particolarmente pericolosa, la pena prevista va da 1 anno e 6 mesi a 3 anni per lesioni gravi, mentre varia da 2 a 4 anni in caso di lesioni gravissime.
Per quanto concerne invece la guida in stato di ebbrezza grave, o sotto l'effetto di droghe, la pena prevista varia da 3 a 5 anni per lesioni gravi, mentre da 4 a 7 anni per lesioni gravissime.

AGGRAVANTI GENERALI

Scopriamo nel dettaglio la nuova legge sull’omicidio stradalePer chi guida senza patente o senza assicurazione e provoca incidenti con morti o lesioni divario genere, in caso di condanna è previsto inoltre il ritiro della patente. Quest’ultima sarà nuovamente conseguibile solo dopo 5 anni in caso di lesione, e dopo 15 anni per il reato di omicidio stradale. Se poi il conducente fugge dopo l'incidente, oltre all’aumento di pena da un terzo a due terzi, la pena non potrà essere inferiore a 3 anni in caso di lesioni, e scatterà il ritiro della patente, la quale non sarà conseguibile nuovamente per un periodo di 30 anni.
Una ulteriore aggravante riguarda un'intera categoria di guidatori, ossia i conducenti di mezzi pesanti come autisti e autotrasportatori, per i quali scatterà sempre la pena più grave, sia per l'omicidio stradale che per lesioni, indipendentemente dal tasso alcolemico.

Infortunistica Veneta: gestione degli infortuni

Infortunistica Veneta tutela i vostri interessi, perché possiate ottenere il giusto risarcimento da infortuni o sinistri di qualunque tipologia.

Affidarsi a professionisti dell’infortunistica come il nostro staff significa beneficiare di una consulenza e di un’assistenza professionale atta ad alleggerire una situazione per voi già pesante. Tutta la parte burocratica relativa alla gestione del risarcimento da infortuni - periti, raccomandate, adempimenti di legge ecc. - diventeranno il nostro compito quotidiano, facendo valere i vostri diritti nelle sedi opportune nel minor tempo possibile e puntando ad una soluzione realmente equa.

Infortunistica Veneta: gestione degli infortuni

Infortunistica Veneta tutela i vostri interessi, perché possiate ottenere il giusto risarcimento da infortuni o sinistri di qualunque tipologia.

Affidarsi a professionisti dell’infortunistica come il nostro staff significa beneficiare di una consulenza e di un’assistenza professionale atta ad alleggerire una situazione per voi già pesante. Tutta la parte burocratica relativa alla gestione del risarcimento da infortuni - periti, raccomandate, adempimenti di legge ecc. - diventeranno il nostro compito quotidiano, facendo valere i vostri diritti nelle sedi opportune nel minor tempo possibile e puntando ad una soluzione realmente equa.

News e notizie recenti Infortunistica Veneta

Sinistro da turbativa: come ottenere il risarcimento in caso di incidente senza urto
La tipologia di incidente stradale nota come "sinistro da turbativa", caratterizzata dall'assenza di un contatto materiale tra i veicoli ma comunqu...
Danno da perdita parentale: la ricerca di criteri oggettivi per la quantificazione del risarcimento del danno affettivo
Il danno da perdita parentale, conseguente al decesso di un congiunto, è considerata una delle casistiche risarcimenti maggiormente complesse da un...
Bollo scaduto cosa succede?
Bollo scaduto cosa succede? Vediamo insieme le casistiche. Il caso del bollo auto scaduto e non pagato interessa purtroppo un numero significativo ...
Ambulanza investe in retromarcia - come ottenere il risarcimento
Purtroppo, la situazione in cui un'ambulanza investe in retromarcia è molto più comune di quanto si possa pensare. È un argomento importante, perch...
Infortunio su mezzo pubblico: come comportarsi, obblighi del gestore e iter assicurativo
Un infortunio su mezzo pubblico oggi è un evento molto più comune di quanto non si possa pensare. I recenti dati statistici diffusi dall'Istat e da...
Multa patente dimenticata: servizi di infortunistica stradale per verbale senza patente
È indiscutibile che la multa patente dimenticata sia una delle sanzioni amministrative più ricorrenti nel nostro Paese. Secondo i dati Istat, ogni ...

Case History Infortunistica Veneta

Danno da vernici
Si rivolgono al nostro studio alcuni lavoratori che hanno avuto l’automobile danneggiata. Ci troviamo nell’area portuale di Ravenna, mentre una dit...
Danno mortale – auto che esce di strada causa velocità e finisce contro un albero posizionato al lato della strada
Posto che questa tragica vicenda coinvolge anche dei minori, per rispetto di tutti gli eredi ometteremo volutamente dettagli che possano in qualche...
Lo strano caso di un giornalista
Nel gennaio 2013 una nostra collaboratrice ci segnalava che il conduttore di una televisione locale, durante il programma - seduto su un divano - a...
Incidenti al supermercato
Sugli incidenti al supermercato Infortunistica Veneta ha una casistica davvero invidiabile.
Vittime della strada per colpa di un Guard-rail fuori norma
L’urto contro guard-rail non a norma costituisce una tipologia d’incidente particolarmente pericolosa. Un guard-rail non a norma non è in grado di ...
Risarcimento danni per perforazione da colonscopia
I fatti: perforazione da colonscopiaIl Signor C., nostro assistito, viene sottoposto a colonscopia per dolore addominale persistente, l'esame viene...

Cosa dicono di noi e di come lavoriamo.

Pietro

Quando divenni cliente di Infortunistica Veneta ero sul letto di un ospedale: a seguito di un terribile incidente stradale la mia vita era appesa a un filo. A seguito di un forte trauma a una vertebra cervicale e una lesione spinale la mia aspettativa di tornare a camminare era bassissima.

Giuseppe

Mi chiamo Giuseppe, ho 53 anni e mia madre è morta per un’infezione ospedaliera. Nel 2013 aveva 85 anni: un giorno cadde in casa, si ruppe un femore, fu ricoverata in un ospedale della provincia di Bologna e subì quello che può essere considerato un intervento di routine.

Paola

Il vero risarcimento per la morte di mio fratello è stata l’umanita! Un incidente stradale mi ha strappato mio fratello. Sono stati giorni, mesi e anni terribili e oggi, ancora, non riesco a parlarne senza soffrire profondamente per l’ingiustizia terribile per quello che successe.

Pietro

Mi chiamo Pietro Orlando, avevo 63 anni, e finalmente mi stavo godendo la pensione, quando un incidente stradale d’un tratto mi ha cambiato la vita. Una macchina che attraversava il paese nel senso opposto al mio, ha mancato una precedenza e svoltando mi ha colpito in pieno.

Ermanno

Mi chiamo Fogli Ermanno e sono un cliente riconoscente a Infortunistica Veneta. Avevo 32 anni, ero fermo a uno stop pronto a immettermi sulla Romea, quando come un fulmine che squarcia il cielo mi piombò addosso un camion che aveva perso il controllo.

Hai qualche domanda?

Compila l’apposito modulo e un nostro incaricato provvederà a ricontattarti nel minor tempo possibile

Hai qualche domanda?

Compila l’apposito modulo e un nostro incaricato provvederà a ricontattarti nel minor tempo possibile