• Home
  • News
  • Sta arrivando l'estate: il pericolo per le due ruote aumenta!

Sta arrivando l'estate: il pericolo per le due ruote aumenta!

Gli utenti che sfruttano i mezzi a due ruote si possono dividere genericamente in due categorie, ossia gli utenti abituali e quelli estivi, che utilizzano motocicli e ciclomotori per gite e viaggi di piacere solo d'estate.

Sta arrivando l'estate: il pericolo per le due ruote aumenta!Ciò provoca di conseguenza un forte aumento percentuale del traffico su due ruote nei mesi estivi, con un conseguente aumento di incidenti in cui rimangono coinvolti motocicli e motoveicoli di ogni tipologia.
Così, mentre il traffico urbano ha di norma conseguenze generalmente lievi in caso di incidenti con motocicli, in quanto tali utenti sono abituati a muoversi su due ruote all’interno del caos cittadino, il traffico sulle statali, sulle autostrade, e sulle strade a lunga percorrenza da parte degli utenti estivi provoca solitamente incidenti assai gravi, specialmente dovuti alle alte velocità.

Non è raro vedere infatti motocicli sfrecciare a velocità impressionanti sulle autostrade, senza tener conto che possono accadere gli eventi più diversi, come ad esempio:

  • la svolta o il cambio di corsia del veicolo che precede il mezzo a due ruote durante la fase di sorpasso da parte del centauro;
  • le cadute causate da un fondo stradale mal tenuto, e da ostacoli quali cartoni, ruote, pezzi di plastica presenti sull’asfalto al momento del transito dei motocicli.

Occorre allora che gli utenti delle due ruote - specie se le usano solo saltuariamente - prestino la massima attenzione. Ecco alcuni consigli generali:

  • abbigliarsi correttamente, cioè proteggere le parti del corpo che potrebbero venire in contatto con l'asfalto;
  • evitare l’uso delle cuffiette per la musica;
  • evitare l’uso del cellulare, anche con microfono.

Sta arrivando l'estate: il pericolo per le due ruote aumenta!Qui di seguito invece riportiamo alcuni dati Istat, con la volontà di farvi pensare ai pericoli che correrete, in modo tale da mettere maggiore attenzione e prudenza alla guida dei vostri mezzi a due ruote.

I dati che vi presentiamo sotto forma di grafici sono rilevabili da un Focus dell'Istat, secondo cui nel 2010 il maggior numero di incidenti su due ruote si è verificato a luglio (9.326 in valore assoluto).

Anche per quanto riguarda il numero di morti causati da incidenti con motocicli, luglio è il mese in cui il valore risulta massimo, con 194 decessi in termini assoluti. L'indice di mortalità risulta invece più elevato in corrispondenza di agosto - 2,5 morti ogni 100 incidenti - il che si spiega con gli esodi estivi e la maggiore circolazione sulle autostrade di motocicli.

Se poi si analizzano i dati delle percentuali degli incidenti rispetto ai mezzi usati, non c'è molto di che stare allegri.

E' vero che la più alta percentuale d'incidenti riguarda le autovetture; ma sommando i dati relativi a motocicli, ciclomotori, biciclette e mezzi a due ruote, si arriva alla percentuale del 22,6%.

Quindi concentratevi sulla prudenza e sulla correttezza alla guida, e le vostre saranno vacanze sicure e felici!

0
0
0
s2smodern
  • Sinistri Stradali
  • Malasanità
  • Sinistri mortali
  • Danni gravi
  • Infortuni sul lavoro
  • Buche e insidie
  • Infortuni su mezzi pubblici
  • Polizze infortuni
  • Responsabilità civile
  • Altri sinistri
  • Responsabilità dei professionisti
  • Recupero costi per assenze dipendenti
  • Risarcimento per le vittime del dovere
    Infortunistica Veneta