• Home
  • News
  • Sta arrivando l'estate: il pericolo per le due ruote aumenta!

Sta arrivando l'estate: il pericolo per le due ruote aumenta!

Gli utenti che sfruttano i mezzi a due ruote si possono dividere genericamente in due categorie, ossia gli utenti abituali e quelli estivi, che utilizzano motocicli e ciclomotori per gite e viaggi di piacere solo d'estate.

Sta arrivando l'estate: il pericolo per le due ruote aumenta!Ciò provoca di conseguenza un forte aumento percentuale del traffico su due ruote nei mesi estivi, con un conseguente aumento di incidenti in cui rimangono coinvolti motocicli e motoveicoli di ogni tipologia.
Così, mentre il traffico urbano ha di norma conseguenze generalmente lievi in caso di incidenti con motocicli, in quanto tali utenti sono abituati a muoversi su due ruote all’interno del caos cittadino, il traffico sulle statali, sulle autostrade, e sulle strade a lunga percorrenza da parte degli utenti estivi provoca solitamente incidenti assai gravi, specialmente dovuti alle alte velocità.

Non è raro vedere infatti motocicli sfrecciare a velocità impressionanti sulle autostrade, senza tener conto che possono accadere gli eventi più diversi, come ad esempio:

  • la svolta o il cambio di corsia del veicolo che precede il mezzo a due ruote durante la fase di sorpasso da parte del centauro;
  • le cadute causate da un fondo stradale mal tenuto, e da ostacoli quali cartoni, ruote, pezzi di plastica presenti sull’asfalto al momento del transito dei motocicli.

Occorre allora che gli utenti delle due ruote - specie se le usano solo saltuariamente - prestino la massima attenzione. Ecco alcuni consigli generali:

  • abbigliarsi correttamente, cioè proteggere le parti del corpo che potrebbero venire in contatto con l'asfalto;
  • evitare l’uso delle cuffiette per la musica;
  • evitare l’uso del cellulare, anche con microfono.

Sta arrivando l'estate: il pericolo per le due ruote aumenta!Qui di seguito invece riportiamo alcuni dati Istat, con la volontà di farvi pensare ai pericoli che correrete, in modo tale da mettere maggiore attenzione e prudenza alla guida dei vostri mezzi a due ruote.

I dati che vi presentiamo sotto forma di grafici sono rilevabili da un Focus dell'Istat, secondo cui nel 2010 il maggior numero di incidenti su due ruote si è verificato a luglio (9.326 in valore assoluto).

Anche per quanto riguarda il numero di morti causati da incidenti con motocicli, luglio è il mese in cui il valore risulta massimo, con 194 decessi in termini assoluti. L'indice di mortalità risulta invece più elevato in corrispondenza di agosto - 2,5 morti ogni 100 incidenti - il che si spiega con gli esodi estivi e la maggiore circolazione sulle autostrade di motocicli.

Se poi si analizzano i dati delle percentuali degli incidenti rispetto ai mezzi usati, non c'è molto di che stare allegri.

E' vero che la più alta percentuale d'incidenti riguarda le autovetture; ma sommando i dati relativi a motocicli, ciclomotori, biciclette e mezzi a due ruote, si arriva alla percentuale del 22,6%.

Quindi concentratevi sulla prudenza e sulla correttezza alla guida, e le vostre saranno vacanze sicure e felici!

Infortunistica Veneta: gestione degli infortuni

Infortunistica Veneta tutela i vostri interessi, perché possiate ottenere il giusto risarcimento da infortuni o sinistri di qualunque tipologia.

Affidarsi a professionisti dell’infortunistica come il nostro staff significa beneficiare di una consulenza e di un’assistenza professionale atta ad alleggerire una situazione per voi già pesante. Tutta la parte burocratica relativa alla gestione del risarcimento da infortuni - periti, raccomandate, adempimenti di legge ecc. - diventeranno il nostro compito quotidiano, facendo valere i vostri diritti nelle sedi opportune nel minor tempo possibile e puntando ad una soluzione realmente equa.

Infortunistica Veneta: gestione degli infortuni

Infortunistica Veneta tutela i vostri interessi, perché possiate ottenere il giusto risarcimento da infortuni o sinistri di qualunque tipologia.

Affidarsi a professionisti dell’infortunistica come il nostro staff significa beneficiare di una consulenza e di un’assistenza professionale atta ad alleggerire una situazione per voi già pesante. Tutta la parte burocratica relativa alla gestione del risarcimento da infortuni - periti, raccomandate, adempimenti di legge ecc. - diventeranno il nostro compito quotidiano, facendo valere i vostri diritti nelle sedi opportune nel minor tempo possibile e puntando ad una soluzione realmente equa.

Case-history e notizie recenti.

Lo strano caso di un giornalista
Nel gennaio 2013 una nostra collaboratrice ci segnalava che il conduttore di una televisione locale, durante il programma - seduto su di un divano ...
Incidenti al supermercato
Sugli incidenti al supermercato Infortunistica Veneta ha una casistica davvero invidiabile.
Vittime della strada per colpa di un Guard-rail fuori norma
L’urto contro guard-rail non a norma costituisce una tipologia d’incidente particolarmente pericolosa. Un guard-rail non a norma non è in grado di ...
Risarcimento danni per perforazione da colonscopia
I fatti: perforazione da colonscopiaIl Signor C., nostro assistito, viene sottoposto a colonscopia per dolore addominale persistente, l'esame viene...
Trattiamo con le compagnie di assicurazione per l’annullamento del mutuo in caso di morte
Le trattative stragiudiziali con le compagnie di assicurazione e con gli istituti bancari per ottenere l’annullamento del mutuo e l’eventuale rimbo...
Incidente con ambulanza. Un risarcimento che sembrava difficile, ma ce l'abbiamo fatta!
Nel maggio scorso si è rivolto ad Infortunistica Veneta un cliente che ci chiedeva aiuto dopo essersi rivolto a 5 studi diversi - tra infortunistic...

Cosa dicono di noi e di come lavoriamo.

Pietro

Quando divenni cliente di Infortunistica Veneta ero sul letto di un ospedale: a seguito di un terribile incidente stradale la mia vita era appesa a un filo. A seguito di un forte trauma a una vertebra cervicale e una lesione spinale la mia aspettativa di tornare a camminare era bassissima.

Giuseppe

Mi chiamo Giuseppe, ho 53 anni e mia madre è morta per un’infezione ospedaliera. Nel 2013 aveva 85 anni: un giorno cadde in casa, si ruppe un femore, fu ricoverata in un ospedale della provincia di Bologna e subì quello che può essere considerato un intervento di routine.

Paola

Il vero risarcimento per la morte di mio fratello è stata l’umanita! Un incidente stradale mi ha strappato mio fratello. Sono stati giorni, mesi e anni terribili e oggi, ancora, non riesco a parlarne senza soffrire profondamente per l’ingiustizia terribile per quello che successe.

Pietro

Mi chiamo Pietro Orlando, avevo 63 anni, e finalmente mi stavo godendo la pensione, quando un incidente stradale d’un tratto mi ha cambiato la vita. Una macchina che attraversava il paese nel senso opposto al mio, ha mancato una precedenza e svoltando mi ha colpito in pieno.

Ermanno

Mi chiamo Fogli Ermanno e sono un cliente riconoscente a Infortunistica Veneta. Avevo 32 anni, ero fermo a uno stop pronto a immettermi sulla Romea, quando come un fulmine che squarcia il cielo mi piombò addosso un camion che aveva perso il controllo.

Hai qualche domanda?

Compila l’apposito modulo e un nostro incaricato provvederà a ricontattarti nel minor tempo possibile

Hai qualche domanda?

Compila l’apposito modulo e un nostro incaricato provvederà a ricontattarti nel minor tempo possibile