• Home
  • News
  • Tardiva denuncia di sinistro all’assicurazione

Tardiva denuncia di sinistro all’assicurazione

Incidente causato da macchia d’olio sull’asfalto: ciclista denuncia il Comune

Il Codice Civile chiarisce in maniera esaustiva gli obblighi di legge che riguardano i tempi entro i quali l’assicurato è tenuto ad effettuare la denuncia di sinistro.
A fare chiarezza sulla questione è infatti l’articolo 1913 del Codice Civile, il quale sancisce che l’assicurato ha tempo fino a tre giorni dal sinistro, o da quando ne ha avuto conoscenza, per fornire l’avviso all’agente o all’assicuratore.

Nel caso in cui assicuratore od agente dovessero intervenire entro i tre giorni dalle operazioni di constatazione, non è invece necessario effettuare la denuncia.

Nonostante sia chiara la ristrettezza di tale termine, la giurisprudenza interpreta la normativa in questione in senso più ampio e tollera un margine di tempo maggiore.

In caso di sinistro, è di fondamentale importanza analizzare la polizza assicurativa stipulata in quanto, in taluni casi, potrebbe prevedere una deroga al limite di tempo dei tre giorni. In caso di dubbi, è possibile verificare direttamente sul contratto di assicurazione la clausola che determina il tempo massimo entro cui effettuare la denuncia di sinistro.

Relativamente alla denuncia di sinistro, è possibile servirsi di qualsiasi mezzo di comunicazione: secondo il Codice Civile, infatti, non è obbligatorio ricorrere alla comune raccomandata a.r., sebbene sia consigliabile in quanto assicura l’avvenuto invio della denuncia. In questo caso, la raccomandata può essere indirizzata alla sede legale della compagnia assicuratrice o, meglio ancora, direttamente alla sede dell’agente in zona.

Tuttavia, generalmente, è sempre richiesto l’indirizzo dell’ispettorato sinistri di cui ogni assicurazione dispone per la gestione risarcimenti.

E’ possibile inoltre l’invio di una posta elettronica certificata (di cui è dotata ogni compagnia assicuratrice) o la consegna diretta, presso il proprio assicuratore, di una dichiarazione scritta che indichi, oltre alle parti coinvolte, i dati dell’assicurazione, le circostanze di luogo e tempo in cui è avvenuto il sinistro, una descrizione delle dinamiche e quelle che, secondo l’automobilista, costituiscono le rispettive responsabilità.

E’ consigliabile conservare una copia della suddetta dichiarazione controfirmata dall’agente.

Alcuni gruppi assicurativi permettono l’invio della denuncia di sinistro anche tramite e-mail o attraverso contatto telefonico al call center dedicato.

Riguardo ai termini per la denuncia, la giurisprudenza si è espressa con alcune sentenze risalenti al 2012 e 2013 del Tribunale di Campobasso e di Bologna, nonché della Corte d’Appello di Napoli: a tal proposito si è ritenuto che, sebbene il termine dei tre giorni, in mancanza di diverso accordo, sia perentorio, la sua inosservanza non costituirebbe un’automatica perdita del diritto al risarcimento.

E’ infatti necessario effettuare una valutazione delle ragioni che hanno portato l’automobilista ad inoltrare una tardiva denuncia di sinistro.

Solamente in caso di dolo, ovvero qualora l’assicurato avesse scelto di propria volontà e in maniera consapevole di ritardare la denuncia, potrà decadere il diritto al risarcimento. A tal proposito, è dovere della compagnia assicuratrice dimostrare la malafede dell’automobilista.

In tutti gli altri casi in cui incombano colpe e motivazioni di forza maggiore, il ritardo non comporta conseguenze. Ad esempio, nel caso in cui l’assicurato fosse impossibilitato ad inoltrare la denuncia perché in ospedale o costretto in casa a causa dell’infortunio, non sono previste ripercussioni.

Alcune sentenze hanno determinato che, anche in caso di tardiva denuncia di sinistro, il diritto all’indennità può essere perso solamente qualora il ritardo risultasse doloso; mentre, nel caso di semplice negligenza, si procede ad una decurtazione dell’indennizzo nei limiti del pregiudizio sofferto dall’assicuratore per tale motivo.

La Cassazione si è espressa di recente con la sentenza n. 24210/19 stabilendo che, se il danneggiato effettua la denuncia di sinistro oltre i termini previsti, non perde la garanzia della polizza: il diritto di indennizzo è da escludersi solamente qualora l’automobilista dimostri di aver assunto un comportamento di tipo fraudolento e si può procedere a una decurtazione solo laddove sia documentata un’inosservanza volontaria del termine.

Secondo quanto definito nel Codice Civile, dunque, l’assicurato può perdere il proprio diritto di indennizzo solamente qualora l’inadempimento fosse di tipo doloso. Per essere considerato tale, il dolo prevede una volontà a provocare un danno alla compagnia assicuratrice. L’assicurazione può quindi evitare di fornire la copertura al sinistro laddove fosse dimostrato un intento fraudolento del cliente o ottenere una decurtazione dell’indennità qualora fosse provata l’entità del danno patito.

Infortunistica Veneta: gestione degli infortuni

Infortunistica Veneta tutela i vostri interessi, perché possiate ottenere il giusto risarcimento da infortuni o sinistri di qualunque tipologia.

Affidarsi a professionisti dell’infortunistica come il nostro staff significa beneficiare di una consulenza e di un’assistenza professionale atta ad alleggerire una situazione per voi già pesante. Tutta la parte burocratica relativa alla gestione del risarcimento da infortuni - periti, raccomandate, adempimenti di legge ecc. - diventeranno il nostro compito quotidiano, facendo valere i vostri diritti nelle sedi opportune nel minor tempo possibile e puntando ad una soluzione realmente equa.

Infortunistica Veneta: gestione degli infortuni

Infortunistica Veneta tutela i vostri interessi, perché possiate ottenere il giusto risarcimento da infortuni o sinistri di qualunque tipologia.

Affidarsi a professionisti dell’infortunistica come il nostro staff significa beneficiare di una consulenza e di un’assistenza professionale atta ad alleggerire una situazione per voi già pesante. Tutta la parte burocratica relativa alla gestione del risarcimento da infortuni - periti, raccomandate, adempimenti di legge ecc. - diventeranno il nostro compito quotidiano, facendo valere i vostri diritti nelle sedi opportune nel minor tempo possibile e puntando ad una soluzione realmente equa.

Case-history e notizie recenti.

Lo strano caso di un giornalista
Nel gennaio 2013 una nostra collaboratrice ci segnalava che il conduttore di una televisione locale, durante il programma - seduto su di un divano ...
Incidenti al supermercato
Sugli incidenti al supermercato Infortunistica Veneta ha una casistica davvero invidiabile.
Vittime della strada per colpa di un Guard-rail fuori norma
L’urto contro guard-rail non a norma costituisce una tipologia d’incidente particolarmente pericolosa. Un guard-rail non a norma non è in grado di ...
Risarcimento danni per perforazione da colonscopia
I fatti: perforazione da colonscopiaIl Signor C., nostro assistito, viene sottoposto a colonscopia per dolore addominale persistente, l'esame viene...
Trattiamo con le compagnie di assicurazione per l’annullamento del mutuo in caso di morte
Le trattative stragiudiziali con le compagnie di assicurazione e con gli istituti bancari per ottenere l’annullamento del mutuo e l’eventuale rimbo...
Incidente con ambulanza. Un risarcimento che sembrava difficile, ma ce l'abbiamo fatta!
Nel maggio scorso si è rivolto ad Infortunistica Veneta un cliente che ci chiedeva aiuto dopo essersi rivolto a 5 studi diversi - tra infortunistic...

Cosa dicono di noi e di come lavoriamo.

Pietro

Quando divenni cliente di Infortunistica Veneta ero sul letto di un ospedale: a seguito di un terribile incidente stradale la mia vita era appesa a un filo. A seguito di un forte trauma a una vertebra cervicale e una lesione spinale la mia aspettativa di tornare a camminare era bassissima.

Giuseppe

Mi chiamo Giuseppe, ho 53 anni e mia madre è morta per un’infezione ospedaliera. Nel 2013 aveva 85 anni: un giorno cadde in casa, si ruppe un femore, fu ricoverata in un ospedale della provincia di Bologna e subì quello che può essere considerato un intervento di routine.

Paola

Il vero risarcimento per la morte di mio fratello è stata l’umanita! Un incidente stradale mi ha strappato mio fratello. Sono stati giorni, mesi e anni terribili e oggi, ancora, non riesco a parlarne senza soffrire profondamente per l’ingiustizia terribile per quello che successe.

Pietro

Mi chiamo Pietro Orlando, avevo 63 anni, e finalmente mi stavo godendo la pensione, quando un incidente stradale d’un tratto mi ha cambiato la vita. Una macchina che attraversava il paese nel senso opposto al mio, ha mancato una precedenza e svoltando mi ha colpito in pieno.

Ermanno

Mi chiamo Fogli Ermanno e sono un cliente riconoscente a Infortunistica Veneta. Avevo 32 anni, ero fermo a uno stop pronto a immettermi sulla Romea, quando come un fulmine che squarcia il cielo mi piombò addosso un camion che aveva perso il controllo.

Hai qualche domanda?

Compila l’apposito modulo e un nostro incaricato provvederà a ricontattarti nel minor tempo possibile

Hai qualche domanda?

Compila l’apposito modulo e un nostro incaricato provvederà a ricontattarti nel minor tempo possibile